fbpx

Akanin'ny Nofy

Durante un viaggio sulla costa orientale del Madagascar, un'incursione ad Akanin'ny Nofy è essenziale. Questo piccolo angolo di paradiso esprime perfettamente la bellezza e la ricchezza della natura malgascia. Sarai in grado di incontrare abbastanza genuini, compresa la fauna endemica dell'isola.

Arrivare ad Akanin'ny Nofy

Situato sulla costa orientale del Madagascar, Ankanin'ny Nofy è un bellissimo sito al confine con il lago Ampitabe. Quest'ultimo, separato dall'Oceano Indiano da alcune dune, è uno dei tanti laghi del canale Pangalanes. Quindi puoi goderti l'attraversamento del canale per visitare Ankanin'ny Nofy, soprattutto perché il modo più piacevole per arrivarci è la barca, che si tratti di un fuoribordo, un chiatta o imbarcazione da diporto.

Da Tamatave, il sito è raggiungibile dopo un'ora e mezza di navigazione. Con contro, se hai intenzione di andare da Antananarivo, dovrai fare una sosta a Manambato. Una volta in Akanin'ny Nofy, è difficile non innamorarsi di questo paradiso. Puoi persino rimanere lì per una o due notti alloggiando in uno degli hotel o dei bungalow locali. Quest'ultimo, costruito con materiali tradizionali, offre un vero comfort ai visitatori.

Akanin'ny Nofy è raggiungibile anche in treno grazie al ripristino della linea ferroviaria TCE (Tananarive - Cote-Est) di Madarail. Oltre ai treni ordinari, un micheline effettua la rotta TCE su richiesta per gruppi di passeggeri. Per raggiungere Akanin'ny Nofy, devi scendere alla stazione di Andranokoditra, che ha il vantaggio di essere vicino alla maggior parte delle strutture ricettive.

Un nido da sogno

Akanin'ny Nofy significa letteralmente "Nest dream" ... Il nome evocativo di questo luogo di delizie è sufficiente per alimentare l'immaginazione. Gli amanti della natura troveranno sicuramente meraviglie all'altezza delle loro aspettative. Questa cornice naturale rivela tutta la bellezza della fauna e della flora malgascia su cinquanta ettari. Ospita varie specie di lemuri endemici, tra cui il famoso Maki, un simbolo dell'isola, Aye-Aye, Sifaka e Indri Indri, il più grande lemure al mondo.

Per avvicinarsi ai lemuri della riserva, la visita del "Palmarium" è d'obbligo. Inoltre, è l'attrazione più turistica del sito. Si estende per oltre trenta ettari e deve il suo nome alle 100000 palme che ospita. Esistono specie endemiche e rare come Dypsis, Orania e Lemurophoenix. Molte guide saranno felici di accompagnarti nella tua scoperta e di fornirti maggiori informazioni su ogni specie, che si tratti di lemuri, palme, orchidee, piante carnivore o altre.

Chiudi il menu
Aliquam justo luctus efficitur. leo ipsum dictum

Stai già partendo?

Spero che tu abbia trovato quello che cercavi?

  • Se è così, fantastico!
  • Se no, mi dispiace ...

In entrambi i casi, ti sarò molto grato per il feedback, questo mi aiuterà molto a migliorare questo sito