le megattere in Madagascar

Balena Safari a Nosy Be

Le balene sono sempre state presenti in Madagascar, ma è solo da alcuni decenni che siamo interessati. Attualmente sono stati identificati 5 diversi campi di balene mentre solo 3 sono stati confermati visivamente, tra cui la balena Omura nel 2015. Il primo ad essere identificato è la megattera perché la più dimostrativa, che può essere facilmente osservata a Nosy Be durante un safari alle balene

Che aspetto ha una megattera?

La megattera (Megaptera novaengliae) ha un dorso nero o grigio scuro con una gobba davanti alla pinna dorsale, due grandi pinne pettorali che sono un terzo della sua lunghezza (da cui il nome di gobba) e una pinna caudale la cui parte inferiore presenta macchie bianche peculiari per ciascuno. Questa impronta caudale e l'equivalente della nostra impronta digitale e quindi consente di identificarla.

È lungo da 12 a 16 metri e pesa da 25 a 40 tonnellate. Come mammifero, deve respirare con i suoi polmoni, il che la costringe a venire in superficie ogni quarto d'ora per il nostro più grande piacere! L'adulto può rimanere 40 minuti sott'acqua. Al largo, la sua pinna caudale si alza verticalmente sopra l'acqua e il suo respiro (fino a 3 metri) è alto quanto largo. Nonostante le sue dimensioni, esegue acrobazie molto belle e spesso salta fuori dall'acqua durante le sfilate.

O vedi le megattere in Madagascar?

Balena Safari a Nosy Be

Prima di venire a Nosy Be, attraversano Nosy Boraha. Questo è il primo posto dove le megattere atterrano per dare alla luce i loro vitelli perché lo spazio a Sainte Marie e in Madagascar è una profonda baia naturale senza predatori, quindi un luogo ideale per l'allevamento. Se attraversi Sainte Marie, potresti avere la possibilità di assistere a un parto!

Dopo Sainte Marie, le megattere continuano la loro ascesa a Nosy Be dove trascorreranno 2 mesi e insegneranno ai loro polpacci a saltare. Con un po 'di fortuna, avrai l'opportunità dalla spiaggia di vedere una balena in lontananza per fare un magnifico salto, quindi vedere il vitello provare 3-4 volte, e la madre per mostrare il suo vitello e questo per rassicurare più bello, questo per ben 30 minuti fino a quando non li perdi. Spettacolo indimenticabile.

Dopo questi due mesi, a settembre, tornano qui per il South Pol, ma non preoccuparti, gli squali balena vengono a trovarci a loro volta!

Balene nel territorio di Nosy Be

Ficcanaso Sii dal cielo

Non possiamo davvero sapere quando la balena è stata vista per la prima volta a Nosy Be. È dalla sua esistenza, dai cambiamenti climatici o da quando è stato cacciato dagli uomini? Tutto ciò che sappiamo è che ogni anno il cetaceo fa il suo solito viaggio dal Polo Sud all'Oceano Indiano. Prima attraversa Sainte-Marie per dare alla luce e Nosy Be per accoppiarsi con altri congeneri.

Tra i lati positivi, le balene sono rispettate dai pescatori locali. Nessuno la insegue o la disturba, la sua specie trova tranquillità e non rischia (almeno fino ad ora) di essere assalita dai balenieri. È forse per questo motivo che questo grande mammifero viaggia ogni anno nelle acque profonde di Nosy Be.

Per vederlo, devi andare nella baia di Ampasindava dove la balena convive in pace con altri pesci. Ma forse è lei che ti troverà per prima, socievole, le piace essere al centro dell'attenzione, che non dispiaccia al pubblico.

La migrazione delle megattere in tutto il mondo

La migrazione delle balene è ficcanaso

Ogni anno la megattera stabilisce il suo normale ciclo di vita. In estate, vive nelle acque ghiacciate dell'Artico e dell'Antartide per nutrirsi in abbondanza. In inverno, si avvicinerà all'Ecuador in acque più calde per la stagione degli amori.

Da dicembre a fine aprile, le megattere si trovano principalmente in Antartide, a sud di Capo Horn, a più di 8000 km da Mayotte e Madagascar, ma anche in Groenlandia, al largo del Quebec. Durante questo periodo, fanno riserve di grasso nutrendosi in grandi quantità principalmente di krill (piccoli gamberi), aringhe, capelin, anguille e sgombri. Effettuano prenotazioni perché in seguito non si nutrono per sei mesi.

La migrazione inizia dalla fine di aprile per terminare a giugno, viaggiano dall'Antartide alle acque dell'Oceano Indiano, fino alle coste del Sud Africa ad est, al largo delle coste della Colombia e dal Canale del Mozambico per raggiungere più a ovest le Comore e Mayotte o dirigersi a nord-est del Madagascar, verso l'isola di St. Mary, Antongil Bay e Nosy Be.

Un altro gruppo, ancora dall'Antartide, si dirigerà direttamente a ovest della punta dell'Africa, sul lato atlantico verso il Gabon (Mayumba, Golfo di Guinea, verso le acque di Sao Tome e Principe) e il Coste camerunesi, nigeriane o ghanesi.
Quelli della Groenlandia e quelli al largo del Quebec si dirigeranno verso i Caraibi.

Da luglio a fine ottobre possono essere visti nelle calde acque dell'Oceano Indiano ea Mayotte (= acque calde di oltre 26 °), dove vengono a riprodursi, alcuni fino a Reunion, Seychelles e Mauritius. Il picco di osservazione è ad agosto.

Un tempo abbondanti nel Pacifico meridionale: Nuova Caledonia, Tonga, Isole Cook, Polinesia francese, Vanuatu, Figi, Samoa, Samoa americane e Nuova Zelanda, le megattere sono state a lungo cacciate in Polinesia. Ridotto a meno del 5% delle loro dimensioni originali, solo le popolazioni molto giovani si trovano ora a Ruturu e generalmente intorno alle Isole della Società, alle Isole Austral e alle Isole Tuamotu in ottobre.

La caccia alle balene, un periodo che ha posto fine a migliaia di cetacei

Balena Safari a Nosy Be

La caccia alle balene, una dottrina che esiste dal X secolo, era da un lato una sopravvivenza per gli uomini, ma anche un modo rapido per arricchirsi. Questi ultimi cacciavano le balene per il loro olio, ma anche per tutto ciò che li riguardava (carcassa, intestino, ...).

L'olio di balena ha molti usi, vale a dire riscaldamento e illuminazione, ad esempio una balena blu lunga 26 metri produce oltre 20 tonnellate di petrolio. Se all'inizio i resti del cetaceo furono lasciati indietro, gli uomini trovarono il modo di usarli a loro vantaggio. Così la carcassa serviva da materiale, la pelle per le cinture o gli intestini si asciugava per progettare corde.

La caccia alle balene è durata quasi 10 secoli, il periodo più sanguinoso tra il XIX e il XX secolo. Fino ad oggi, questa dottrina esiste ancora, ma è molto discreto essere diventata illegale.

Protezione delle balene, nessuna caccia

La caccia alle balene commerciali è vietata dall'International Whaling Commission (IWC). Questa legge introdotta nel 1986 si applica a favore della megattera e di altri cetacei degli stessi rami. Questo regime, sebbene universale e applicato da tutti, è bypassato da alcuni paesi, tra cui Giappone, Norvegia e Islanda, che non accettano questa convenzione. Diverse associazioni come Seashepherd stanno ancora combattendo per difenderle.

Nel territorio dell'Oceano Indiano, questa etica è abbastanza rispettata. Finora non abbiamo sentito parlare di caccia alle balene nelle acque di Nosy Be. D'altra parte, le spedizioni scientifiche sono ora aperte a tutti coloro che desiderano sapere dove si trovano e le balene.

Nota che le balene visibili in Nosy Be sono tutte protette. Durante il tuo soggiorno puoi incontrare alcune specie di cetacei tra cui il più noto, la megattera presente tra luglio e settembre, ma anche la balena di Omura, la balena di Bryde o lo squalo balena.

Chiudi il menu
eleifend libero accumsan tempus et, mattis libero. leo. Aliquam consequat. Praesent Curabitur

su

Mada reste une destination méconnue et que ce soit au niveau des visas, des vols, des hébergements il est parfois difficile de trouver l’information voulue. C’est la que Live Madagascar entre en jeux

Site sponsorisé par

logo booking UP
Agence de visibilité hôtelière
Nous accompagnons les hôtels dans la reprise de leur visibilité web