26 giugno, festa dell'indipendenza in Madagascar

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter

sommario

26 giugno, festa dell'indipendenza in Madagascar

Storia dell'indecenza del Madagascar

Nel 1954, sei anni prima dell'indipendenza, il Madagascar era considerato dalle notizie francesi come "una delle regioni del futuro dell'Unione francese". Mentre era membro dell'Unione francese, l'isola aveva subito importanti opere. L'agricoltura era stata profondamente modernizzata per intensificare la produzione di riso, canna da zucchero e caffè. C'era anche una nuova infrastruttura costruita.

Nel 1958, il Madagascar cambia stato. Dal territorio d'oltremare, diventa una repubblica autonoma all'interno della Comunità francese, una nuova entità creata dalla Quinta Repubblica. Due anni dopo, gli accordi con la Metropolis le conferiscono lo status di stato indipendente, mantenendo al contempo collegamenti privilegiati tra la Francia e la sua ex colonia.

L'isola ottiene così l'indipendenza il 26 giugno 1960 e la presidenza del Madagascar è affidata a Philibert Tsiranana, un ex deputato che aveva condotto una politica conciliante e benevolenza nei confronti della Francia.
Il presidente Tsiranana, criticato dalla popolazione per il suo sostegno agli interessi francesi, deve affrontare una crescente protesta, in particolare lo sciopero degli studenti dalla capitale alle province, e lascia il potere nel 1972.

fonte: Wikipedia, blog ina, prospettiva mondiale.

Questo articolo potrebbe interessarti

Nosy Be, un'isola turistica o isola incompresa? Ti invito a scoprirlo

O per festeggiare il 26 giugno a Nosy Be?

Di giorno, tranne la sfilata sulla città infernale, niente di speciale.

Tuttavia la sera, a meno che il tuo hotel non sia perso nella foresta, non intendi dormire la notte, in tutte le aree la musica verrà ascoltata, ti invito a uscire per un drink, sia in una taverna che si godono la notte. atmosfera del momento o uno dei buoni tavoli dell'isola 😉 

Chiudi il menu
id Nullam Curabitur diam sem, libero